Veranda o tendalino?

Una volta acquistata la nostra prima roulotte, una delle prime importantissime decisioni che ci siamo ritrovati a dover fronteggiare è stata: veranda o tendalino?

In realtà, siamo stati abbastanza fortunati da ritrovarci tra le mani sia la veranda originale di Martha, sia un tendalino “adattabile”, anche se pensato per una roulotte più lunga della nostra.

La nostra primissima avventura con Martha è stata di 4 giorni a Roseto degli Abruzzi. Eravamo super eccitati e anche un po’ preoccupati, come faremo a sistemarla in piano? Riusciremo ad utilizzare il bagnetto? Il frigo funzionerà? Moriremo di freddo? Moriremo di caldo? E i fornelli funzioneranno bene? Le acque grigie… dove si scaricano? Come si usa il Porta Potti?

In mezzo a tutti questi interrogativi, c’era anche: ci servirà la veranda?
Non avendola mai montata per problemi di spazio, ci siamo incollati i due sacconi di pali e teli incrociando le dita che non mancassero pezzi e che fosse in buone condizioni.

Cominciando l’avventura del montaggio della veranda, ci siamo resi immediatamente conto che qualcuno dei precedenti proprietari aveva TENTATO di montarla, ma avendo sbagliato ad assemblare i pali, probabilmente non c’era mai riuscito.

Quindi la buona notizia è che la veranda era nuovissima, la cattiva è che, almeno la prima volta, l’abbiamo montata alla rinfusa, poiché non avevamo gli attrezzi per smontare e rimontare correttamente i pali.

Veranda

La veranda prima della cura

La prima volta del tendalino, invece, è stata in Trentino.
Il tendalino è vintage anche lui, ma trattato come una reliquia, quindi perfetto sotto tutti i punti di vista! Certo, al montaggio risulta lievemente concavo su un lato, ma per fortuna la pioggia ci scorre ugualmente e non imbarca acqua.
Martha&Daniele

Il tendalino

In entrambe le nostre prime prove, ci siamo resi conto di aver sbagliato la scelta tra tendalino e veranda!

Dopo qualche uscita in più, finalmente siamo riusciti a “dosarne” l’utilizzo e a scegliere, di conseguenza al tipo di viaggio, quale dei due portare.

Adesso, dopo un paio d’anni d’esperienza, abbiamo raggiunto l’equilibrio decisionale: in caso di viaggio più stanziale, in cui sappiamo già che ci sistemeremo per almeno 5-6 notti in un unico punto, preferiamo portare la veranda. In caso di vacanze un po’ più itineranti, sceglieremo il tendalino, più comodo da trasportare e più veloce da montare e smontare.

Rispetto a queste regole auree che ci aiutano nella decisione di cosa caricare in macchina, ci sono però due eccezioni degne di note:

1: Le vacanze in montagna, per le quali potrebbe risultare più comoda la veranda a causa del freddo che può calare la sera anche in estate;
2: Le vacanze con gli amici: certe sere, rimanere all’aperto sotto al solo tendalino può risultare sgradevole anche al mare, a causa di zanzare, vento e pioggia; ma mentre una coppia può serenamente passare la sua serata al riparo della propria roulottina, ospitare altre 3, 4 o 5 persone in una roulotte di 3,50 mt può risultare quantomeno imbarazzante!

Silvia Blasi

Silvia è una consulente di Business Intelligence, vive a Roma ed ha passato tutte le estati della sua infanzia in campeggio. Nonostante sia laureata al DAMS, adesso lavora con i computer, ma il suo tempo libero è suddiviso tra libri, musica, scrittura e ovviamente viaggi. Oltre a scrivere per HappyLittleCaravan, si occupa di un blog, ha scritto articoli di musica per una testata online, e scrive recensioni di libri sul suo profilo Anobii. Sono sue anche (quasi) tutte le foto del sito.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *