Riserva dello Zingaro (Trapani – TP)

La Riserva dello Zingaro (o Riserva Naturale Orientata dello Zingaro) si trova nella penisola di San Vito Lo Capo, a nord di Castellammare del Golfo.

Si estende per circa 7 km di bellissima ed incontaminata costa siciliana: uno dei pochissimi tratti di costa dell’isola che non è attraversata da una strada litoranea.

Riserva dello Zingaro

L’unico modo per raggiungere le splendide spiaggette della Riserva dello Zingaro è camminare, o affittare delle imbarcazioni.

A differenza però di altre splendide calette in giro per l’Italia, l’afflusso di barche e gommoni è abbastanza irrisorio. Noi l’abbiamo visitata nella settimana di ferragosto, e nonostante questo, non abbiamo notato chiazze d’olio o iperaffollamenti di natanti a 20 metri dalla riva.

Il mare, neanche a dirlo, è stupendo, e la vista di cui si può godere seguendo il sentiero che porta alle calette è qualcosa di veramente stupefacente. Non dimenticate le maschere, perché anche i fondali sono splendidi e pieni di pesci.

Riserva Dello Zingaro

La Riserva dello Zingaro è nata nell’81 grazie ai residenti che si sono opposti fermamente e con tutti i mezzi possibili ai lavori iniziati già nel 1976 per costruire la litoranea, che avrebbe poi immancabilmente portato alla distruzione dell’ecosistema a causa del proliferare di costruzioni di case, stabilimenti, alberghi etc.

L’ingresso della Riserva è un bel buco gigante trivellato nella roccia, il primissimo intervento effettuato per la costruzione della strada negli anni ’70.

Riserva dello Zingaro - Accesso

La Riserva dello Zingaro ospita anche una fauna che, minacciata costantemente dall’espansione umana nel territorio, trova qui un luogo ideale per vivere indisturbata: aquile, falchi pellegrini, poiane, donnole, istrici, etc (trovate qualche approfondimento sulla pagina a loro dedicata sul sito istituzionale).

Anche la flora ospita molti esemplari di piante endemiche, cioè presenti solo sul territorio della Riserva (maggiori dettagli qui).

Riserva dello Zingaro

Dal luogo del parcheggio (consultate sempre il sito ufficiale per gli orari e le informazioni aggiornate) vi verrà consegnata una cartina con il dettaglio delle spiagge e l’ubicazione di rifugi, bagni e altre strutture. Non esistono bar o ristoranti; quindi è necessario portare cibo e soprattutto acqua, molta acqua, anche perché il sentiero (ovviamente) non è in pianura; e nonostante regali dei bellissimi scorci, i dislivelli da affrontare sono molto impegnativi soprattutto per il caldo. Consigliamo vivamente anche un ombrellone, a causa della scarsità di ombra naturale, e litri e litri di crema solare.

Vedi altre foto della Riserva dello Zingaro sull’account Flikr di HappyLittleCaravan!

Silvia Blasi

Silvia è una consulente di Business Intelligence, vive a Roma ed ha passato tutte le estati della sua infanzia in campeggio. Nonostante sia laureata al DAMS, adesso lavora con i computer, ma il suo tempo libero è suddiviso tra libri, musica, scrittura e ovviamente viaggi. Oltre a scrivere per HappyLittleCaravan, si occupa di un blog, ha scritto articoli di musica per una testata online, e scrive recensioni di libri sul suo profilo Anobii. Sono sue anche (quasi) tutte le foto del sito.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *