Il Lago di Braies (Braies – BZ)

Lago Di Braies - Riva

Lago Di Braies

Il Lago di Braies è un lago alpino che si trova nella Valle di Braies (appunto), vicina alla più famosa e turistica Val Pusteria.

Cosa richiama ogni anno frotte di turisti (e di locali, immagino) a passare la giornata in riva al Lago?

Probabilmente, il fatto di essere un luogo semplicemente stupendo aiuta parecchio, esattamente come il bellissimo colore verde delle sue acque, il paesaggio mozzafiato (è circondato su tre lati da vette dolomitiche) in cui si ritrova, il sentiero che ne percorre interamente il perimetro, e forse anche le spiaggette e le aree attrezzate per i picnic che si ritrovano lungo il sentiero.

E’ possibile parcheggiare (a pagamento, ovvio) proprio davanti all’Hotel Pragser Wildsee, da cui parte il sentiero che circumnaviga tutto il lago. Se avete fretta di raggiungere le spiaggette o la piccola chiesa (Marienkapelle), guardando il lago e con l’hotel alle spalle dirigetevi direttamente verso destra.

Se preferite invece noleggiare una barchetta o cominciare subito con la passeggiata “panoramica”, prendete il sentiero verso sinistra e incontrerete dopo pochi metri la palafitta di legno dove potrete noleggiare una barchetta, a prezzi abbastanza esosi: 11 euro per 1/2 ora, 17 euro per un’ora (estate 2015).

 

Lago Di Braies - Palafitta affitto Canoe

Lago di Braies – Palafitta Noleggio Barche

Continuando il sentiero verso sinistra, passata la palafitta si arriva ad una propaggine del lago con acqua molto bassa: se d’estate vi affacciate a guardare nell’acqua alta pochi centimetri, potrete vedere migliaia di girini annerire le rive.

Proseguendo, il sentiero si allontana dalla sponda del lago e comincia a salire in mezzo ai boschi, regalando delle bellissime vedute dall’alto in cui potete ancora ammirare il verde splendente delle acque in mezzo ai pini. Qui il sentiero non è molto agevole per passeggini e biciclette, ed ha una modesta pendenza, ma niente di pericoloso o troppo faticoso: la passeggiata intorno al Lago di Braies è veramente per tutti.

A tre quarti circa del percorso, il sentiero scende tutto insieme con una serie di tornanti e vi riporta sulle rive del lago: da qui cominciano le spiaggette, dove è frequente vedere dei cagnoloni bellissimi fare il bagno. Se ne avete il coraggio, potete unirvi a loro, ma ricordate: siete a quasi 1500 metri sopra il livello del mare, circondati dalle Dolomiti: qui, fa freddo anche ad Agosto! Qui potrete trovare anche un bagno pubblico.

Il resto del sentiero si allarga molto ed arriva ad una spiaggia grande proprio sotto all’albergo, davanti alla chiesetta dove, nel 1945, furono liberati gli ultimi ostaggi illustri di Hitler. E’ anche la chiesa dove l’erede al trono austro-ungarico e sua moglie si recavano a pregare, prima dell’Attentato di Sarajevo.

Lago di Braies

Lago di Braies – vista dal sentiero in alto

Pur essendo una bellissima passeggiata immersa in un contesto splendido, il sentiero ad anello intorno al lago è percorribile in due ore di totale relax, comprese di soste per rifocillarsi e per scattare quelle mille foto che il panorama sembra richiedere; quindi considerate anche l’eventualità di potervi godere appieno il Lago di Braies in mezza giornata.

Per questa escursione non ci sono segnalazioni particolari, tranne le solite: ricordatevi la crema solare e gli occhiali da sole, e di controllare le condizioni meteo prima di avventurarvi sul sentiero che è sì facile, ma è pur sempre un sentiero di montagna: quindi niente tacchi e possibilmente niente sandali.

Vedi altre foto del Lago di Braies sull’account Flikr di HappyLittleCaravan!

Silvia Blasi

Silvia è una consulente di Business Intelligence, vive a Roma ed ha passato tutte le estati della sua infanzia in campeggio. Nonostante sia laureata al DAMS, adesso lavora con i computer, ma il suo tempo libero è suddiviso tra libri, musica, scrittura e ovviamente viaggi. Oltre a scrivere per HappyLittleCaravan, si occupa di un blog, ha scritto articoli di musica per una testata online, e scrive recensioni di libri sul suo profilo Anobii. Sono sue anche (quasi) tutte le foto del sito.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *