Fortezza Pia: un tesoro dimenticato che sovrasta Ascoli (Ascoli Piceno – AP)

A vegliare sull’antichissima città di Ascoli Piceno c’è il Colle dell’Annunziata, che sulla sommità ospita le rovine della Fortezza Pia.

Ascoli Piceno Fortezza Pia

 

Nonostante l’area sia completamente invasa dalla vegetazione e perfettamente accessibile a chiunque, si mostra in uno stato di conservazione esterno abbastanza apprezzabile. Per raggiungere la Fortezza Pia basta salire il colle (anche in macchina, non c’è sicuramente problema di parcheggi visto lo stato desolante di abbandono in cui versa).

Ovviamente il forte come lo si vede ora non è l’originale, costruito probabilmente già dai Piceni e fatto distruggere da un senatore romano verso gli anni 80′ (No, non quando portavamo i capelli cotonati e ascoltavamo Bon Jovi; parlo dell’80 a.c).

Ascoli Piceno Fortezza Pia

Dopo aver visto svariati smantellamenti e ricostruzioni, prese il suo nome definitivo quando il papa Pio IV fece costruire dei nuovi bastioni fiammanti che resistessero ai colpi di cannone. La sua storia purtroppo non finisce qua: nel 1799, i francesi smantellarono di nuovo la Fortezza Pia, che diventò tristemente una cava di pietre. Continuò quindi ad essere saccheggiata per tutto il XIX secolo. Per ulteriori dettagli sulla storia della Fortezza Pia, c’è sempre l’immancabile Wikipedia. Qualche altra foto interessante si trova anche su questo sito (anche se il testo è copiato pari pari da Wiki).

Ascoli Piceno Fortezza Pia

Ad oggi, quello che ne rimane è l’ingresso monumentale, di grande effetto, “chiuso” da un cancello senza catene né lucchetti; le mura perimetrali del lato nord, e i bastioni anticannone del Papa di cui sopra.

Tutto il sito è ricoperto da una fitta vegetazione, ed è chiaramente frequentato da ragazzi che vogliono lasciare incisi i propri nomi con dei grandi cuoricioni e promesse di amore eterno, fumano sigarette e bevono birra. In realtà, per essere un posto così accessibile a chiunque, effettivamente non è sporco come si possa pensare.

Comunque varrebbe la pena salire fino alla Fortezza Pia almeno per godere della vista sulla città e sulle colline circostanti.

Ascoli Piceno Fortezza Pia

Se volete provare a visitare un posto molto al di fuori dai percorsi turistici, armatevi di scarpe da ginnastica, pantaloni lunghi e un po’ di spirito di avventura! Le sterpaglie sono molto alte. Inoltre, permettetemi di sconsigliarvi di avventurarvi per le scalette che troverete sotto la tettoia: io ho provato a scendere, ma gli scalini praticamente non esistono più e mi è parso veramente molto pericoloso tentare di procedere e di scendere.

Ascoli Piceno Fortezza Pia

E’ un vero peccato che un sito del genere non venga valorizzato come meriterebbe, o anche solo messo in sicurezza per eventuali visite ad esempio di scolaresche; o anche per dei concerti, magari di musica medievale, o di canti gregoriani: sarebbe veramente una cornice perfetta anche per una ricostruzione storica in costume.

Silvia Blasi

Silvia è una consulente di Business Intelligence, vive a Roma ed ha passato tutte le estati della sua infanzia in campeggio. Nonostante sia laureata al DAMS, adesso lavora con i computer, ma il suo tempo libero è suddiviso tra libri, musica, scrittura e ovviamente viaggi. Oltre a scrivere per HappyLittleCaravan, si occupa di un blog, ha scritto articoli di musica per una testata online, e scrive recensioni di libri sul suo profilo Anobii. Sono sue anche (quasi) tutte le foto del sito.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *